Cornetto Sammontana al Cioccolato di Modica IGP. Ma ciò che conta è più il ‘marketing territoriale.

Arriva il Cornetto Sammontana al Cioccolato di Modica IGP. Una novità assoluta che può far conoscere Modica su tutto il mercato mondiale.

ROMA/MODICA – La Sammontana, ha presentato ieri a Roma il suo prodotto di punta per l’estate 2021: il Cornetto Cinque Stelle al Cioccolato di Modica IGP.

Il sindaco di Modica Abbate all’estrema destra ed il direttore del consorzio Scivoletto alla estrema sinistra

L’Amministratore di Sammontana, Guido Calò, ha illustrato il percorso che ha portato alla valutazione prima e alla scelta dopo, del Cioccolato di Modica quale ingrediente per il cornetto.

A margine dell’evento, cui hanno partecipato fra gli altri Luigi Cortellessa, il nuovo D.G. Del Ministero, Oreste Gerini, Bonato e Perini di Csqa, il Segretario Generale di Cna Gabriele Rotini.

Il Sindaco Abbate e il Direttore del CTCM Scivoletto hanno incontrato il rappresentante di Sammontana con il quale hanno concordato l’avvio di una concertazione per la definizione di una campagna di comunicazione che valorizzi il cornetto Sammontana, Modica e il suo Cioccolato.

È stato annunciato che saranno prodotti oltre 4 milioni di gelati a settimana al Cioccolato di Modica IGP – ha commentato il Sindaco intervenuto alla presentazione- e per noi rappresenta uno straordinario veicolo pubblicitario che dobbiamo necessariamente sfruttare. La materia prima sarà fornita da un’azienda associata al Consorzio

TUTTI GLI INGREDIENTI del cornetto Sammontana – Latte scremato reidratato – Cialda (14%) (Farina di frumento, Zucchero, Olio di cocco, Emulsionante: lecitine di soia, Sale, Zucchero caramellizzato) – Acqua – Granella di cioccolato (7,5%) (Pasta di cacao 60%, Zucchero) – Variegatura al cioccolato (5%) (Zucchero, Olio di semi di girasole, Cacao 18%, Olio di cocco, Pasta di cacao 3%, Emulsionante: lecitine di girasole) – Copertura al cacao magro (5%) (Olio di cocco, Zucchero, Cacao magro 17%, Emulsionante: lecitine di soia, Aromi) – Sciroppo di glucosio – Olio di cocco – Zucchero – Cacao – Destrosio – Emulsionante: mono- e digliceridi degli acidi grassi – Tuorlo d’uova – Stabilizzanti: alginato di sodio, farina di semi di carrube.

Secondo le indicazioni della Sammontana, il cioccolato IGP è nella variegatura (5%) e nella granella (7.5%)

I numeri del Cioccolato IGP di Modica

I numeri del cioccolato, comunicati dal Ministero per le Politiche Agricole paiono interessanti.

Nel 2020 il 53% di autorizzazioni concesse dal Ministero per l’utilizzo di un determinato prodotto come ingrediente caratterizzante sono state proprio per il Cioccolato di Modica mentre il 51% delle etichette autorizzate all’utilizzo hanno richiesto il nostro cioccolato.

Possiamo dire che oggi il cioccolato di Modica IGP sia il prodotto italiano più richiesto nella produzione di dolci di tutti i tipi” – ha concluso il sindaco di Modica..

Inserire referenze come i coni gelato al Cioccolato di Modica IGP – ha commentato il direttore ricerca sviluppo e qualità di Sammontana, Guido Calò ha consentito alla nostra azienda, profondamente italiana ma che sul mercato deve vedersela con le multinazionali, di creare per i propri prodotti un legame con il territorio”.

Conferire al cornetto Sammontana la caratteristica granulosità del nostro cioccolato – ha affermato il Direttore del CTCM Scivoletto ha rappresentato un ulteriore passo avanti verso la notorietà del cioccolato di Modica IGP, che ad appena due anni dalla certificazione europea, risulta in testa alla graduatoria delle autorizzazioni rilasciate (92) dal Mipaaf nel 2020, oltre il 53% del totale”.

Il cioccolato: de gustibus.. ma è (ed è stato) fondamentale strumento di marketing

Il cioccolato di Modica è unico IGP è certamente un caso/studio (case history dicono nelle università) di un prodotto certamente differenziato per caratteristiche e qualità ma che è diventato strumento di marketing territoriale che si sta rivelando un successo.

Non commentiamo nel gusto proprio perchè la sensazione di ‘sabbia’ in bocca che si ha nel gustare la cioccolata a lavorata a freddo di Modica, lascia qualcuno entusiasta del gioco di sapori in bocca, mentre altri sono meno attratti.

Ma di certo il valore di questo prodotto sta nel ‘marketing territoriale’, ovvero nella specificazione di un territorio di cui si fa portavoce univoco.

Grazie anche al Consorzio, da anni si fanno ‘esperimenti’ per alimentare questa ‘anchor’: da fiere, piccole e grandi, da convegni con lo scienziato che parla bene del cioccolato, a fontane di cioccolato. In tal modo, l’immagine del cioccolato di Modica è cresciuta diventando, appunto, ”anchor’. L‘anchor marketing è una tecnica che permette ad un prodotto, un bene, un servizio di essere immediatamente riconosciuto e, quindi, scelto.

Indubbiamente il ‘cioccolato di Modica’ sta riuscendo in questo piano, non sappiamo se strategicamente pianificato o casualmente accaduto, come spesso nelle più grandi tradizioni imprenditoriali.

Il successo che è passato dallo “strategico” passaggio del riconoscimenti IGP, è certamente in termini di comunicazione perchè il ‘cioccolato di Modica’ riesce con una buona costanza ad emergere e far parlare di sé.

Questo è fondamentale per differenziare la propria offerta turistica: il mare ed il barocco, sono un po’ dovunque, dalla Puglia in giù.

La mancanza di una ‘anchor’ e di capacità programmatiche

Avere una propria specifica, fa la differenza. Ad oggi, per dire la verità, non sono tanti i paesi del Val di Noto ad avere tale ‘anchor’.

Se Modica ha il ‘cioccolato’, Noto ha per esempio la ‘cattedrale’ ed il riconoscimento di capitale del Barocco. Ragusa Ibla non ha nessuna ‘anchor’: un po’ di barocco, una cattedrale come le altre e niente più.

Scicli aveva, sempre il ‘solito’ barocco ma anche Montalbano: adesso Montalbano è ‘morto’ e non si è riusciti a trovare altro. Si aspetta forse la resurrezione?

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.