Dpcm e sport: a Scicli palazzetto chiuso per…? Non si sa.

Pur se uno dei tanti DPCM del fu Giuseppe Conte permette il proseguimento degli sport di 'interesse nazionale', a Scicli la locale squadra di Pallamano Serie B non sa dove allenarsi perchè il comune tiene chiuso il palazzetto. E deve andare a chiedere aiuto al comune di Ragusa. E ad un avvocato

SCICLI – La confusione fatta dai DPCM “inventati” dal “fu” Giuseppe Conte (fu primo ministro), hanno creato ingorghi di interpretazione dalla Cassazione ai comuni più piccoli.

Ed a Scicli non si capisce – o non capiscono – che una squadra di serie B nazionale ha il ‘diritto’ di allenarsi e giocare. Eppure dopo tante e.mail ‘normali, tante PEC ‘speciali’, magari qualche incontro per caso nelle vie di paese, tutto tace.

Tace sul serio, perchè alle richieste ed email non viene neanche risposto. Sciatteria? Pressappochismo? Incapacità? Forse un mix di tutto.

Fatto sta che lo Scicli Sport Club, che aveva attuato un rigido protocollo di controllo degli atleti per la “questione covid’, è rimasto senza palazzetto per allenarsi, sta perdendo il campionato e deve farsi ospitare da un veloce ed effettivo comune di Ragusa che ha messo, gratis, a disposizione i propri impianti.

Ed intanto è partita una ‘diffida ad adempiere’ da parte del legale della società.

Ma può essere questa la Pubblica Amministrazione?


  • Intervista ad Enrico Parisi Assenza, presidente dello Scicli Sport Club, società di pallamano
  • Intervista di Maurizio La Micela, editor
  • Giorno: 5 Aprile 2021
  • [[ Intervista fatta in remoto in osservanza alle restrizioni imposte alle libertà personali e di movimento da ordinanza regionale e decretazione di ‘Zona Rossa’ del comune di Scicli ]]

VIDEO


Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.