Alitalia: da Comiso a Roma e Milano. Ma è già in ritardo

Il volo di 'continuità territoriale' (a prezzo calmierato) sarà operato da Comiso dall'Alitalia. Ma c'è già ritardo dato dal casotto 'covid'

COMISO – Sarà Alitalia la compagnia aerea che garantirà, a partire dal 1 novembre, i voli di continuità territoriale da Comiso, verso Milano Linate e Roma Fiumicino.

Dopo la scadenza del bando, lo scorso agosto, oggi Enac ha celebrato a Roma la gara per l’esercizio dei servizi aerei di linea in conformità degli oneri di servizio pubblico, aggiudicandola alla compagnia di bandiera per il ribasso più alto. 

Solo due compagnie hanno partecipato al bando il cui valore d’asta era di € 23.189.718,00.

Le compagni erano la Alitalia, appunto e la Tayaran Jet, compagnia bulgara.

L’Alitalia si è aggiudicata l’appalto per € 20.870.746,20

Come previsto, dal 1 novembre e per i successivi tre anni saranno garantiti due voli giornalieri sulla tratta Comiso-Roma Fiumicino e un volo giornaliero sulla tratta Comiso-Milano Linate, a tariffe calmierate per i residenti in Sicilia.

Com’è noto il bando, in una prima fase rinviato a causa del lockdown, era stato ripubblicato da Enac lo scorso giugno in seguito al relativo provvedimento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Adesso si è giunti alla fase finale, nel rispetto dei tempi previsti. 

“Signore e Signori, l’Alitalia annuncia un ritardo”..

A ridosso del 1 Novembre, però, l’Alitalia informa della necessità di rinviare di una settimana – dall’1 all’8 novembre 2020 – l’avvio delle rotte di continuità territoriale che collegheranno Roma e Milano.

Ovviamente la situazione delle politiche anti-covid giocano contro la normalità. E dunque ritardi e sconnessioni sono da considerare.

Alialia comunque sta passando un momento di particolare (per quanto ben più che storica) difficoltà.

Il bollettino dei contributi statali buttati nel pozzo ‘Alitalia’, ammonta, secondo il Sole 24Ore, a 12,5 mld con una ‘newco’, una nuova compagnia da altri 20 mln di €.

Di seguito una dichiarazione congiunta del presidente Giuseppe Mistretta e dell’amministratore delegato Rosario Dibennardo

L’avvio delle rotte di continuità territoriale è un fatto che tutti i siciliani attendono da moltissimi anni, un fatto che inciderà sensibilmente sulla vita e sulla mobilità di tutti i cittadini e di tutte le imprese di questo territorio per i prossimi tre anni: ricordiamo infatti che tale è il periodo coperto dal bando di Enac per l’esercizio dei servizi aerei di linea in conformità degli oneri di servizio pubblico, realizzato grazie ai relativi provvedimenti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e della Regione. 

Per ragioni che sono sotto gli occhi di tutti e che sono chiaramente indipendenti dalla volontà dei soggetti coinvolti, il particolarissimo momento storico con cui coincide la data di inizio dell’operatività delle rotte previste dal bando ha determinato la necessità di una riorganizzazione dei servizi aerei su scala nazionale, che Alitalia ha fatto presente tanto ad Enac quanto al Ministero. 

Questa settimana di rinvio ci consentirà di rendere ancor più capillare l’informazione ai cittadini rispetto a questa opportunità, che riguarda non solo il trasporto turistico ma innanzitutto un servizio essenziale di mobilità valido in ogni tempo, legato ai viaggi di lavoro, di studio, di salute, e che dunque potrà rivelarsi di straordinaria utilità anche in una fase così delicata per gli spostamenti delle persone”. 

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.