La Sicilia in mostra. Record di visitatori per ‘Le Vie dei Tesori’

Nuovo record per Le Vie dei Tesori:  115mila visitatori nei primi 2 weekend

SICILIA – Sono stati 115.000 in due soli fine settimana.

Dai quasi 50 mila della scorsa settimana a questo weekend con oltre 65 mila visitatori. Si tratta dei numeri dei visitatori de Le Vie dei Tesori Palermo, Catania, Ragusa, Modica e Scicli

Palermo è la regina incontrastata: 52 mila visitatori che hanno riempito il centro storico, certo. Ma piace anche provare, visto che la novità di quest’anno – le “esperienze” – hanno funzionato benissimo, per visitare “luoghi speciali” che sono già quasi esaurite anche per i prossimi appuntamenti. 

Questo finesettimana, in 52 mila hanno scelto Palermo, 5 mila Catania e 8 mila il Ragusano, che si sommano ai 50 mila totali dello scorso weekend.  Il luogo più amato a Palermo resta la chiesa di Santa Caterina, ma a sorpresa ecco anche il Loggiato restituito. Sold out teatralizzazioni, concerti ed esperienze.

A Catania si confermano vincenti i palazzi storici, a Ragusa Palazzo Trifiletti, a Modica il Castello dei Conti, a Scicli i luoghi del commissario Montalbano

Oltre 5 mila visitatori hanno scelto i 50 siti di Catania con, tra gli altri, Palazzo Biscari, con i suoi aloni affrescati e i mobili d’epoca, che ha superato di poco Palazzo Manganelli.

Altri 8 mila hanno cercato i palazzi sontuosi di Ragusa, sono saliti al Castello dei Conti a Modica e scelto i luoghi della fiction più amata, a Scicli.

Il Palazzo Grimaldi di Modica

Il Ragusano conferma il trend dello scorso weekend.

Le tre città insieme raggiungono gli ottomila visitatori: in 3500 hanno confermato la scelta del capoluogo dove il luogo più visitato è il bellissimo palazzo Arezzo di Trifiletti che supera di poco il Circolo di conversazione, il raduno dei nobili signori del luogo.

Da Leggere  Ferrari a Scicli. Lunedi 9. E vengono dagli Emirati Arabi Uniti

Al “terzo posto riconfermato” è il Teatro di Donnafugata.

Scicli continua a superare Modica e conferma anche lei i 2500 visitatori dello scorso weekend. Il pubblico non dimentica che questi sono i luoghi della fiction del Commissario Montalbano con il Municipio dove è ricostruita la stanza del Questore e la vicina Farmacia Cartia, dove il tempo sembra essersi fermato tra ampolle, albarelli, vasi da farmacia: tutto come era nell’ottocento quando venne aperta. Scende al terzo posto, il sontuoso Palazzo Spadaro

Modica tallona Scicli, non ammette sconfitte con duemila visitatori che continuano imperterriti a salire in vetta al Castello dei Conti per poi perdersi nell’elegante Palazzo Castro Grimaldi che offre uno spaccato dell’aristocratica vita modicana di inizio secolo.

Terzo luogo più visitato, è il complesso francescano di santa Maria del Gesù, in uno quartieri più alti di Modica, al di fuori del centro storico barocco, una delle rare  testimonianze dell’arte tardo-gotica iblea.

E da Palermo è giunto anche il primo “viaggio dei tesori”, il tour guidato che ha condotto alla scoperta del Ragusano, tra siti, visite dedicate, degustazioni e hotel de charme.

La volta del Palazzo Spadaro a Scicli

 


Il prossimo fine settimana sarà l’ultimo per il Ragusano: aperti tutti i siti disponibili, ma non dimenticate che a Ragusa si potrà fare il giro dei campanili in notturna.

(in collaborazione con Simonetta Trovato. Credit photo Igor Petyx)

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.