VIDEO | Grotte di Memoria: l’ultimo abitante delle grotte di Chiafura a Scicli

SCICLI – Presentazione del libro di memorie di don Pietro ‘Pitrino’ Sudano, ultimo dei viventi tra coloro che furono abitanti delle grotte di Chiafura, nelle colline che contornano Scicli, fino a buona parte degli anni ’50.

Probabilmente create intorno al 1500/1600, queste grotte sono poi diventate un grosso polo abitativo verso il 1800 con anche oltre 2000 abitanti. Allargate a ridosso della II Guerra Mondiale, furono anche rifugio anti-aereo dai bombardamenti degli americani.

Da sempre ritenute ‘zona di poveri’, in realtà pare in parte fossero abitate da famiglie facoltose dell’epoca. Abbandonate con la progressiva inurbazione della valle sottostante, solo alla fine degli anni ’50 sono state del tutto abbandonate perchè effettivamente ormai malsane.

Progetti e progettazione

Dal 1994 circa insistono dei progetti di recupero per farne un parco etnico/museale ma il massimo che è stato fatto è una strada di accesso ed il consolidamento delle parti pericolanti. Poi tutto abbandonato da anni. Per la manifestazione di presentazione del libro, una piccola piazzetta è stata pulita dai volontari della associazione Tanit proprio per l’occasione.

La nuova amministrazione, come già praticamente tutte le precedenti degli scorsi 15 anni ha, ora, un progetto di recupero.

Video

 

Da Leggere  La 'Bandiera blu' chiede regole. Il resto, significa, è selvaggio?

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.