GAL ‘Terra Barocca’: sviluppo che potrebbe funzionare

1

MODICA – Partecipata assemblea aperta quella del GAL (gruppo azione locale) che coinvolge i comuni di Modica, Ragusa, Ispica, Scicli, Santa Croce Camerina. Un raggruppamento pubblico/privato che potrebbe essere uno strumento utile per convogliare in questa area qualche milione di euro di fondi comunitari, a partire dai primi 6/6,5 milioni dei prossimi mesi.

Non è certo un processo facile, però, quello che consente di arrivare a mettere le mani su questi fondi. Anche perchè dopo la costante ruberia e sciatteria vissuta proprio in tema di fondi europei, le cose si sono fatte più strette.

Vista in maniera positiva, però, il GAL ‘Terra Barocca‘ potrebbe essere davvero uno strumento di sviluppo e catalizzatore di investimenti. Non solo nel turismo, ma abbracciano ampi spazi nell’agricoltura, nelle infrastrutture, nei servizi.

Le sigle e gli acronimi che popolano i progetti di marca europea, sono miriadi. Così al Gal è legato il Pal, e poi il Psr e relativo Fears, il Ssl. E via dicendo. Ma nella sostanza sono tutte procedure e fondi a cui attingere.

Gal: o è soggetto attivo o è inutile

Nella riunione di Modica, nel bell’auditorium ‘Floridia‘, ultima di queste animazioni pubbliche, il sindaco di Modica, Abbate, che è anche presidente del Gal (Modica e Ragusa, da sempre in contrasto sulla ricerca di fondi, si sono messe d’accordo con Abbate presidente ma uffici operativi a Ragusa), il concetto emerso è chiaro ed il Gal deve essere il fattore attivo e di coordinamento per accedere a questi fondi. Per la prossima Strategia Europa 2020, (periodo 2014/2020) l’accesso ai fondi, circa 122 milioni di euro in totale, i Gal con questo approccio definito ‘bottom-up‘ (dal basso verso l’alto) dovranno aggregare i fattori produttivi del territorio ed elaborare tre tematiche dominanti da far diventare progetto comune per tutto il Gal.

Da Leggere  Il 'Bus Barocco' della Sais Autolinee

.

MLM_0018a

.

Fino ad oggi, l’operatività del Gal ‘Terra Barocca’ è stata quella di fare una piattaforma web, piuttosto semplice a dire il vero, con l’attivazione di un forum per permettere una sorta di interazione tra cittadini per definire le proposte meglio degne di essere perseguite. Un po’ poco che si spera non sia segnale della classica attività proto-statale destinata a diventare stipendificio con fonti europei.

Definite le tematiche tramite questo forum, in seguito il Gal dovrà gestire i progetti secondo l’approccio SSL – Strategia di Sviluppo Locale – in coerenza del quale sarà sviluppato il PAL – Piano Azione Locale – ovvero come dovranno essere indirizzati gli investimenti.

Una prima data da rispettare sarà quella del 28 ottobre 2016 (che potrebbe avere degli slittamenti), per la selezione della scelta delle strategie di sviluppo.

Del Gal fanno parte due tipi di soggetti, i ‘soci‘ che sono coloro che versano una quota da 500€ a 3000€ (secondo se ente privato o pubblico) ed i ‘partner‘, che non pagano quota ma non hanno diritto di voto.

Ad oggi in Sicilia ci sono 17 Gal ma sono in arrivo altre domande che potrebbero portarne in numero a 22, compreso il Gal ibleo che con i suoi circa 180.000 abitanti sarebbe il più popolato tra tutti.

.

MLM_0011a

.

Da notare che il Comune di Pozzallo non è stato inserito nel Gal ‘Terra Barocca’, pur avendolo chiesto, perchè la forte densità abitativa del comune rivierasco avrebbe, in media, determinato un punteggio totale troppo basso rischiando di non far accedere il Gal ibleo al novero dei finanziamenti. Questo perchè essendo il Gal legato al Fears, è piuttosto una misura con un occhio di riguardo alle realtà contadine dove, per definizione, non si può avere un’alta densità abitativa.

Da Leggere  Al ristorante Accursio di Modica, una Stella Michelin

Per partecipare attivamente a questo Gal, basta andare nel sito dello stesso – www.galterrabarocca.com – registrarsi e prendere parte al forum, sia partecipando alle discussioni avviate, sia avviandone di proprie. Ad oggi ci sono 3 discussioni aperte: due da parte dello stesso Gal rispetto alle procedure per attivare eventuali progetti; una che se la prende con i giovani che escono in gruppo ma guardano il cellulare e non sanno fare il pane di casa o i biscotti. Dimenticando, magari, che ci sono tante belle imprese artigianali in tutta la provincia che fanno biscotti e li vendono in tutta Italia, Malta compresa e lo hanno fatto senza fondi pubblici e magari contro la deleteria burocrazia.


Un interessante sequenza di slide che, perlomeno, serve a rendere più chiaro di come faccia il sito web, cosa è un Gal e cosa dovrebbe fare: vedi

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.