Scicli nel mirino: da Comiso, giovani fotografi a Scicli

Il gruppo di “fotografe” di Comiso

Scicli è stato messo nel mirino. Per fortuna solo un mirino di reflex, di macchine fotografiche di un gruppo di giovani ragazze che hanno scelto proprio la città patrimonio Unesco per una esercitazione pratica di fotografia.

Ad organizzare il tutto, un architetto-fotografo (o viceversa) Antonio Bonifacio, fotografo professionista e che ha strutturato un corso di avviamento alla fotografia a Comiso. Un gruppo di 25 che s’è sgranato in diversi tappe di sessioni fotagrafiche all’aperto passando da Comiso, dal boschetto di Randello, Ragusa Ibla ed infine Scicli.

Scicli scelta, ovviamente, in riconoscimento alla bellezza dei suoi paesaggi urbani, ai mille scorci che ogni angolo offre.

Non conoscevo molto bene Scicli – ha detto Antonioma certamente ne ho sentito ben parlare per il grosso sviluppo turistico che ha avuto. Uno sviluppo che purtroppo non sta toccando Comiso – accenna con una vena polemica – pur se ha un centro storico di prima qualità. Centro storico che però dovrebbe essere trattato il meglio possibile, con restauri ed interventi di qualità. Ed a mio parere – conclude – il problema più serio è che mancano troppo spesso le giuste professionalità da far intervenire proprio quando si lavora ai restauri in un centro storico“.

.

Essere fotografato da 5 bella ragazze, non deve essere tanto male.

Leave a Reply

WordPress spam blocked by CleanTalk.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.