Fabrizio De Andrè, cristiano per forza?

Il pubblico

SCICLI – Fabrizio De Andrè era, con molta probabilità, come minimo agnostico. Ma aveva un suo rapporto con la ‘religione’ che ha spesso cantato nelle sue musiche e raccontato nelle sue liriche.

Andrea Pitrolo, tra non molto ‘don‘ Andrea visto che sarà ordinato giovane sacerdote tra pochi mesi, ha voluto invece vedere una parte cristiana di De Andrè, un ‘cristianesimo anachico‘ come lo ha definito, nel tentativo di far convivere il De Andrè della storia con la sua visione.

Ha raccontato questa sua tesi in un suo libro, ‘Il cristianesimo anarchico di Fabrizio De Andrè‘ ed ha presentato questa sua opera a Scicli, nel cortile del Ricovero Carpentieri in una serata ottimamente affollata.

Ma se è vero che di ‘dio’ De Andrè ha parlato nelle sue canzoni, come lo stesso Andrea ammette, forse però il cantautore non si riferiva tanto al dio della teologia quando al ‘dio uomo’.

Se così fosse, però allora De Andrè si riferiva molto più facilmente all’Uomo Morale che dovrebbe albergare in noi. Piuttosto che al dio, allora probabilmente De Andrè si riferiva al Super-io, imperativo morale extra e super religioso.

**

Servizio e Intervista di Maurizio La Micela

Video 9:39 minuti

Leave a Reply

WordPress spam blocked by CleanTalk.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.